Così vicini così lontani

Seduta ,

assorta nei miei pensieri

tu non mi vedi

o fai finta.

Così vicini

così lontani

l’attimo che si fugge

per non morire.





Non piu’ rimpianti

Non più rimpianti

nel sole che sorge

nelle zolle della terra

nella notte che ti avvolge .

Non più rimpianti nella tua mano

nel mio sorriso

nell’acqua che scorre

nella pioggia che mi bagna .

Non più rimpianti

nel noi

che siamo amore.

Ti guardo

Ti guardo e non ti riconosco,

il vento caldo ha scompigliato i miei pensieri.

Mi guardo e mi conosco ancora ,

in questo specchio di mare e di nuvole leggere .

Altro vento sta per arrivare,

un’ aria fresca che profuma di nuovo.

Ed io l’assaporo con i capelli scompigliati dai pensieri.

Occhi di stelle

I tuoi occhi due stelle nella notte e mare limpido di giorno. Labbra rosse di rose profumate . Quanti passi , risa e pianti ci fanno incontrare . Il tuo sorriso mi avvolge e il tuo cuore riscalda la mia anima. Grazie per avermi accompagnato in questo pezzo di strada ..

Abbracci di stelle

Abbracci di stelle nella notte tempestosa, luci accese nel buio dell’anima, echi di voci lontane si fanno presente, il dono più bello in questo giorno che muore.

Bailo con las hojas

Il suono delle foglie tra il vento, passi di danza nell’ondeggiare del tempo. Scalzi i piedi sull’erba bagnata . Il gesto dell’anima accarezza il mio sorriso.

Prenditi le ali

Mi riprendo ciò che è mio .

Il dolore, le ferite , tutto il tempo che ho perduto.

E ritrovo le mie ali , in un posto ben nascosto.

Provo , cado e ancora riprovo e

piano piano mi immergo in quel volo dell’anima.

Anch’io posso volare .

Classificazione: 1 su 5.

Unisciti ad altri 68 follower

La storia di “Non nasconderti”

Entrare nell’animo femminile mi affascina tantissimo. Scrutare i pensieri di noi donne , così forti e fragili allo stesso tempo è un’esercizio da cui non mi sono mai sottratta.

Una bozza di ritratto di donna, rimasto lì da molto tempo che voglio trasformare. Un pennello e un colore nero per cancellare e iniziare un nuovo quadro.

Arrivo al viso e capisco che quella donna sta prendendo nuove sembianze nella mia testa …vedo un velo ,un abito lungo, una donna nascosta.

Dietro quel velo una donna musulmana con l’Hijab!

Parola araba che letteralmente significa proteggere, nascondere, mettere a distanza.

Quali sentimenti si celano dietro quello sguardo? Qual’è il confine sottile tra l’obbligo e la convinzione ? Una sorta di fede verso Dio o una libertà ?

Il mio intento diventa un’esortazione per le donne a non nascondere mai le proprie emozioni, portare avanti le proprie idee e nella condivisione scoprire e celebrare la propria libertà espressiva.

Il cassetto dei ricordi

Ho frugato nel cassetto dei ricordi, appena sveglia, stamattina. Un sogno mi ha detto di farlo.

Lui era li , sospeso in un limbo e annegato dentro un mare di pagine.

Apro e leggo .

Il passato è presente, il presente è passato, il futuro è già scritto.