Prenditi le ali

Mi riprendo ciò che è mio .

Il dolore, le ferite , tutto il tempo che ho perduto.

E ritrovo le mie ali , in un posto ben nascosto.

Provo , cado e ancora riprovo e

piano piano mi immergo in quel volo dell’anima.

Anch’io posso volare .

Classificazione: 1 su 5.

Unisciti ad altri 67 follower

La storia di “Non nasconderti”

Entrare nell’animo femminile mi affascina tantissimo. Scrutare i pensieri di noi donne , così forti e fragili allo stesso tempo è un’esercizio da cui non mi sono mai sottratta.

Una bozza di ritratto di donna, rimasto lì da molto tempo che voglio trasformare. Un pennello e un colore nero per cancellare e iniziare un nuovo quadro.

Arrivo al viso e capisco che quella donna sta prendendo nuove sembianze nella mia testa …vedo un velo ,un abito lungo, una donna nascosta.

Dietro quel velo una donna musulmana con l’Hijab!

Parola araba che letteralmente significa proteggere, nascondere, mettere a distanza.

Quali sentimenti si celano dietro quello sguardo? Qual’è il confine sottile tra l’obbligo e la convinzione ? Una sorta di fede verso Dio o una libertà ?

Il mio intento diventa un’esortazione per le donne a non nascondere mai le proprie emozioni, portare avanti le proprie idee e nella condivisione scoprire e celebrare la propria libertà espressiva.